Nato a Londra alla fine del 1800, il vibratore, da macchina miracolosa usata per curare l’isteria delle donne si è trasformato in un oggetto ultramoderno, dalle forme degne della pop art e miglior amico di ogni orgasmo femminile.